domenica 16 dicembre 2018
02.05.2012 - REDAZIONE

Partito Comunista dei Lavoratori: un Primo Maggio con meno "lavoratori"

Anche a Sanremo, visto il numero sempre crescente di disoccupati, a festeggiare questo Primo Maggio vi sono stati molti meno lavoratori e soprattutto lavoratrici. Comunicato Stampa

Sul versante dell'edilizia, Sanremo registra più della metà dei licenziamenti verificatisi in Provincia lo scorso anno. Quasi nessuno di questi era in possesso di una tessera sindacale.

In completa assenza di controlli istituzionali sulla sicurezza sul lavoro e sullo sfruttamento del "lavoro nero", lo stesso Sindacato,pur nelle mille difficoltà che caratterizzano il settore,  non e' immune da carenze e mancanza di iniziative forti e caratterizzanti.

A rimanere a casa è un'intera generazione di giovani, sfruttata e  priva di qualsiasi specializzazione, e mantenuta al “grado” di manovale. A dovere subire le umiliazioni e i rischi del lavoro nero e sottopagato per sfamare i propri figli, sono padri di famiglia quarantenni e cinquantenni, ormai, tagliati fuori dal mercato del lavoro regolare per questioni anagrafiche ( nonostante i continui innalzamenti dell'età minima pensionabile ).

Una situazione che oltre a fare dilagare il lavoro irregolare e privo di sicurezza, produce degrado in molte aree del Comune per la presenza di cantieri rimasti sospesi da tempo.

Negli ultimi venti anni quasi un migliaio di aziende floricole hanno chiuso. Un dato che sancisce la scomparsa di un settore tradizionale e, un tempo, importante come la floricoltura. Nell'arco di questo lungo periodo, nessuna amministrazione comunale si è mai premurata di pianificare un intervento per salvare e rilanciare il settore floricolo, industrializzandone la produzione e qualificandone il lavoro.

Per quanto concerne il turismo negli ultimi due anni, i soli ad avere ragione di ridere sono Lele Mora e le sue “Papi Girls” che con una foto se ne escono con un “attivo” di 50mila euro. Mentre per i lavoratori del settore il rischio di un licenziamento è sempre imminente, cosi come per i piccoli albergatori il rischio  della chiusura della loro attività.

Nell'ultimo periodo pasquale rispetto a quello del 2011, Sanremo ha registrato un calo del 30% di presenze, a differenza di Genova e delle località delle Cinque Terre che confermano lo stesso numero di turisti dell'anno scorso e del Ponente savonese con una diminuzione degli arrivi del 15%.

Il 70% dell'occupazione delle camere d'albergo raggiunto per il ponte del Primo Maggio non e' assolutamente un dato positivo, anzi, semmai estremamente preoccupante, ed il fatto che l'Amministrazione comunale ed i suoi accoliti se ne facciano vanto dimostra l'assoluta mancanza di senso della realtà.

Oltretutto questo dato e' il frutto di una serie di eventi sportivi e culturali concomitanti con due festività e non certo di un effettiva ripresa turistica di medio o lungo periodo.

A ciò si aggiunge il disastroso risultato della Casa da gioco sanremese, che dal 25 al 30 aprile avrebbe incassato 1.200.000 euro in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Un tracollo degno delle politiche industriali e turistiche di questa Amministrazione e delle sue società controllate.

Oggi la Giunta Zoccarato, per voce della vice-Sindaco Lolli ha, finalmente, riconosciuto l'alto tasso di disoccupazione riscontrato a Sanremo e in Provincia, forse perché si trattava del Primo Maggio o perché, per pura casualità, al Sindaco sarà capitato, per la prima volta, di consultare le preoccupanti notizie economiche, da tempo, circolanti sulle pagine locali. A fronte della  constatazione di tale piaga sociale e delle politiche anti-popolari del Governo Monti ( sostenuto da PD, PdL e terzo polo ), auspichiamo da parte della Giunta Zoccarato, sopratutto, dei fatti concreti come l'esenzione dell'IMU per le fasce più deboli della popolazione, una drastica diminuzione delle tasse comunali imposte a lavoratori, artigianato e piccolo commercio e investimenti “pesanti” nell'occupazione, riattivando, da subito, i numerosi cantieri bloccati da anni.


Commenti

Nessun commento presente.
Accedi per scrivere un commento

 
Meteo